INIZIATIVA NAZIONALE PER DISAPPLICAZIONE ISA »ISA: ADC E ANC PROMUOVONO INIZIATIVA NAZIONALE CON LA COLLABORAZIONE DI TUTTI I COLLEGHI E DELLE AZIENDE CLIENTI Roma, 29 agosto 2019 ADC e ANC hanno promosso un’azione congiunta, su più fronti, per ottenere la disapplicazione degli indici Isa per l’anno 2018. Abbiamo chiesto formalmente al Ministro dell’Economia di adoperarsi fattivamente al fine dell’emanazione di un provvedimento di stop. Inoltre, abbiamo sollecitato i Garanti del Contribuente di tutte le Regioni, sottolineando loro il perdurare della situazione di caos, aggravatasi con l’emanazione del Decreto, pubblicato il 17 agosto G.U.con cui sono state introdotte ulteriori modifiche al sistema di calcolo degli ISA, in plateale violazione del termine dei sessanta giorni che lo Statuto del Contribuente prevede per la comunicazione di siffatte misure, minando ancora un volta, se è possibile farlo in maggior misura, i principi che dovrebbero regolare i rapporti tra lo Stato e il Cittadino. Affinché l’iniziativa abbia la maggiore incisività possibile chiediamo a tutti i colleghi di scaricare le lettere dal link in calce e firmarle, facendole sottoscrivere anche alle aziende che aderiranno, e di inviarle all’email confederazione.adcanc@gmail.com (mailto:confederazione.adcanc@gmail.com) Le lettere saranno fatte pervenire al MEF La Confederazione, in caso di un mancato ascolto, intraprenderà ulteriori e più incisive azioni a tutela della categoria e dei contribuenti. Ringraziamo i colleghi per il sostegno che vorranno dare a questa iniziativa, intrapresa nell’interesse della categoria e di tutti i contribuenti Lettere al MEF di commercialisti e aziende ANC Comunicazione Lunedì 02 Settembre 2019 17:18
ACEC Commissioni Risposte ai quesiti Previdenza
Previdenza
Previdenza
Venerdì 11 Marzo 2011 16:05

 

Siamo uno studio associato. I due soci sono regolarmente iscritti al Collegio di Savona ed alla Cassa Previdenza di Roma.Uno degli associati non ha ancora maturato i 25 anni di iscrizione alla Cassa,pur avendo 66 anni,e non può pertanto richiedere la corresponsione della pensione di vecchiaia, i 25 anni di maturazione si raggiungeranno tra due anni,ma per effetto delle normative non potrà accedere alla pensione fino al compimento del 70° anno di età.L'altro socio,di 41 anni,è iscritto alla Cassa Previdenza da soli due anni. A causa del notevole incremento del contributo minimo richiesto dalla Cassa Previdenza, si hanno serie difficoltà a corrispondere quanto richiesto.Si cerca pertanto di trovare una soluzione per poter continuare l'attività sotto un'altra forma.La soluzione a cui avremmo pensato è la seguente:Lo Studio cessa l'attività ad oggi svolta con il codice 74.12B ed inizierebbe a lavorare con il codice 74.12C.Il Socio anziano rimarrebbe iscritto, oltre che al Collegio, alla Cassa Previdenza, al fine di maturare gli anni necessari al pensionamento.L'altro socio, rimarrebbe iscritto al Collegio, ma si cancellerebbe dalla Cassa Previdenza e provvederebbe all'iscrizione alla Gestione Separata dell'INPS.Secondo Voi questa soluzione è fattibile? Se non lo fosse avete qualche suggerimento da darci?

 

Leggi tutto...
 
Previdenza
Lunedì 07 Marzo 2011 23:43

Ho in corso la rateizzazione della ricongiunzione dei contributi Inps alla Cassa ragionieri, richiesta nel 2000. Ad oggi ho raggiunto complessivamente 39 anni di contribuzione (con periodi non coincidenti) tra Inps e Cassa Ragionieri. A seguito dell’emanazione della legge sulla totalizzazione di inizio 2006, quali sono le mie prospettive e/o alternative?

Leggi tutto...